Brema

Opinione su

Brema

Valutazione complessiva (7): Valutazione complessiva Brema

 

Tutte le opinioni su Brema

 Scrivi la tua opinione

Brema, città delle fiabe

5  09.12.2007

Vantaggi:
a misura d'uomo, bellissima, pittoresca, non cara

Svantaggi:
il freddo, la lingua

Consiglio il prodotto: Sì 

val80

Su di me:

Iscritto da:23.05.2005

Opinioni:46

Fiducie ricevute:16

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata molto utile da 24 utenti Ciao

Sono appena tornata da un breve viaggio a Brema, purtroppo solo 3 giorni, per festeggiare l'anniversario con il mio ragazzo.
Molti di voi diranno "Brema? Come mai proprio lì? E poi d'inverno, con tutto quel freddo? (Questo è quello che ci ha detto la maggior parte dei nostri amici appena hanno saputo della nostra partenza...)

Brema l'abbiamo scelta per diversi motivi. Innanzitutto perchè a Trapani (io abito a Palermo, e in fin dei conti arrivare all'aeroporto di Birgi o a quello di Punta Raisi, pardon, Falcone e Borsellino, non cambia moltissimo) Ryanair sta puntando su voli low cost veramente incredibili: sapete quanto abbiamo pagato per 2 biglietti di a/r per Brema? Solo 70 euro (ovvero 35 euro a testa!). Ditemi voi se non è un affare! E ho anche visto che in alcuni periodi si può addirittura risparmiare (addirittura 40 euro per 2 biglietti a/r).

I voli da e per Brema vengono effettuati solo il mercoledì e la domenica, per cui noi, per motivi di lavoro io e di studio lui, abbiamo optato per partire di domenica e rientrare in Italia il mercoledì seguente.

L'arrivo a Brema
Siamo arrivati a Brema intorno alle 13. Proprio di fronte al terminal abbiamo trovato una fermata del tram: prendendo il numero 6 in direzione Universitat si arriva dritti dritti al centro della città.
I tram sono molto frequenti, impiegano circa 10 minuti per effettuare questo tragitto, e il costo del biglietto, che si fa a bordo servendosi delle apposite macchinette, è di 1,95 euro.

Come dicevo, dopo una decina di minuti di tram si arriva a Marktpatz, la piazza principale: enorme e bellissima! Qui si affacciano il Rathaus (il municipio) e la Cattedrale, nonché la famosa statua di Rolando, simbolo della libertà, e l'ancor più famosa statua dei musicanti di Brema (ricordate la favola dei Fratelli Grimm? Asino, cane, gatto e gallo, uno sopra l'altro). Da notare che Brema è molto legata a questa favola, infatti sparse per la città si trovano, oltre alla statua ufficiale, diverse versioni dei musicanti di Brema, colorate, simpatiche, irriverenti, tutte da fotografare!

A Marktplatz potete trovare un centro di informazione turistica: guardando il Rathaus si trova esattamente all'estrema sinistra, proseguendo oltre la statua di Rolando. Specifico questo perchè la piazza è così grande e con diversi angoli in cui perdersi che all'inizio, cioè quando si necessita maggiormente di una mappa della città, è piuttosto difficile orientarsi. Oltretutto trattandosi di periodo prenataliazio, la piazza era invasa da una quantità impressionante di bancarelle (anzi, più che bancarelle direi casette in stile Hansel e Gretel) che impedivano una visuale completa della piazza ma che regalavano un piacevole senso di Natale già a fine novembre.

Comunque, una volta presa in mano una mappa della città, devo ammettere che orientarsi è di una facilità estrema: il punto di riferimento, com'è ovvio, è Marktplatz, e di lì si possono raggiungere a piedi e in pochi minuti le zone più belle della città.

Brema può essere visitata, in pochi giorni: secondo me 3 giorni sono sufficienti, trattandosi di una città molto piccola. Certo, io ci sarei rimasta ancora per un'altra settimana, perchè ho trovato a Brema una città a misura d'uomo: immense aree pedonali dove il traffico e lo smog sono lontani anni luce, piste ciclabili interminabili, tram puntualissimi e onnipresenti (ah, dimenticavo di dire che Brema è detta anche "città dei tram" per via della sua fittissima rete), e poi gallerie piene di negozi (i cosiddetti Passage), bar, ristoranti...proprio un'atmosfera straordinaria.

Brema mi ha colpita anche per la sua tranquillità: tutti camminano in bici, anche le signore di una certa età, e anche di notte si vedono tranquillamente ragazze da sole che camminano per le vie della città senza la preoccupazione di un maniaco o, nella migliore delle ipotesi un ladro pronto a scipparle. Io alloggiavo in un hotel vicino alla stazione, il Bremer Haus, e devo dire che nonostante la stazione sia universalmente additata come uno dei luoghi in cui è possibile imbattersi in cattivi incontri, non ho mai notato niente di losco, solo bici, un continuo via vai di tram, il rumore delle ruote dei trolley dei tanti turisti e niente di più.

Ma parliamo adesso di cosa vedere a Brema.
Oltre alla splendida Marktplatz, il cui Rathaus e la statua di Rolando sono stati dichiarati patrimonio culturale dell'UNESCO, ci sono molte cose da vedere.
La Cattedrale è molto bella, così come il suo sotterraneo. Inoltre al suo interno ci sono depliant in ogni lingua, italiano compreso.
Una meta obbligata è il quartiere di Schnoor, in assoluto la zona più bella e pittoresca della città. Un tempo abitato da pescatori e artigiani, è oggi un'area pedonale costituita da casette piccolissime alcune delle quali risalenti addirittura al 1400, colorate, tutte unite tra di loro come i nodi di una corda (il nome "Schnoor" deriva infatti da "schnur", che in tedesco significa appunto "corda"). Al suo interno ci sono una miriade di negozietti caratteristici, e poi bar e ristoranti per tutti i gusti.

Da visitare anche Bottcherstrasse, una via lunga solo 100 metri, ovviamente anch'essa pedonale, che parte esattamente di fronte la facciata principale del Rathaus e giunge in prossimità del fiume Weser. Al suo interno si trovano negozietti tipici, locali, una versione simpatica della statua dei musicanti di Brema, e spesso la passeggiata è resa ancor più piacevole grazie alle esibizioni dei musicisti di strada.

Schlachte è una zona che si trova esattamente lungo il fiume Weser. Vi si trovano locali, ristoranti, bar, ed è lì che solitamente la gente si riunisce per bere e mangiare. A questo proposito va detto che a Brema, così come in genere nelle città del Nord, si cena prestissimo, quindi vi sconsiglio di fare come noi che, da bravi turisti-fai-da-te italiani, abbiamo ben pensato di cercare un ristorante solo alle 9 di sera...un'impresa ardua!

A Brema non c'è una vita notturna intensa: alle 11 sembra già notte fonda. Comunque dopo aver cenato e bevuto qualcosa a Schlachte, i giovani si spostano all'Ostertorsteinweg, una pittoresca zona periferica facilmente raggiungibile sia a piedi sia, se siete molto pigri, col tram.

A Brema ci sono anche cinque mulini a vento. Uno di questi si trova a due passi dal centro, tant'è vero che noi ci passavamo davanti diverse volte al giorno, trovandosi nei pressi della stazione e dell'hotel. Oggi questo mulino è stato trasformato in ristorante, mentre quello che si trova nel quartiere di Oberneuland è diventato un museo.

A Brema ci sono anche tanti musei da visitare, tra cui quello di Schnoor sulla storia della Germania: le guide sono vestite coi costumi tradizionali e, non essendoci molta gente, c'è una guida per ogni visitatore. L'unico difetto è che le guide parlano solo in tedesco...

Altre attrazioni da visitare sono il museo delle scienze, la torre di gravità, il parco dei rododendri e, per gli appassionati del calcio, lo stadio del Werder Brema.

Per finire vi consiglio dei posti dove poter mangiare bene e spendere poco (comunque va detto che Brema non è assolutamente una città cara).
Uno dei pochi ristoranti aperti anche dopo le 21 è il John Benton, che si trova esattamente di fronte al Rathaus. Trattandosi di un ristorante nella piazza principale, e soprattutto dall'aria molto chic, pensavamo che ci avrebbero quanto meno spennato, e invece abbiamo ordinato della carne (delle bistecche enormi) con contorno di patate fritte (le patate sono onnipresenti nella cucina tedesca) e abbiamo speso qualcosa come 26 euro. Da notare che in Germania l'acqua costa in proporzione più della birra: una bottiglietta di acqua da 33 cl costava 2,15 euro, contro i 2,70 euro di un boccale di birra da mezzo litro (e che birra! La birra tedesca non ha niente a che vedere con la nostra, è davvero ottima!).
Vi segnalo inoltre 2 locali tipici, di quelli non "da turisti", ma per "veri tedeschi". Il mio preferito si chiama Schuttinger, e si trova a Bottcherstrasse. Lì ho mangiato davvero divinamente (vi consiglio la bistecca di maiale con crema di funghi, ovviamente con contorno di patate). E poi approfittando poi dell'happy hour la birra costa solo 1 euro (il boccale da 0,20).
L'altro posto che vi consiglio si chiama Stortebeker, anch'esso in centro. Qui, oltre al piatto enorme di carne e patate vi portano anche una scodella con dell'ottima insalata.

Che altro dire...penso di aver scritto tutto.
Spero che la mia esperienza possa avervi fatto venire voglia di visitare Brema, una città davvero incantevole!
Fotografie per Brema
  • Brema Fotografia 6249452 tb
  • Brema Fotografia 6249453 tb
  • Brema Fotografia 6249454 tb
  • Brema Fotografia 6249455 tb
Brema Fotografia 6249452 tb
Rolando
Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
zapat376

zapat376

13.01.2010 11:27

Concordo , ti do eccellente. ciao

matfat

matfat

27.02.2008 14:16

OTTIMA OPI...PASSA DA ME SE TI VA..GRAZIE

maureste72

maureste72

19.02.2008 13:46

ottima opinione.... buona giornata da Mauro!

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su Brema è stata letta 23292 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"Eccellente" per (38%):
  1. zapat376
  2. sven81
  3. Bruccone
e ancora altri 11 iscritti

"molto utile" per (62%):
  1. sazzy
  2. matfat
  3. maureste72
e ancora altri 20 iscritti

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.