POSTUMIA E PREDJAMA GROTTE E CASTELLO

4  10.10.2004

Vantaggi:
Si passa una bella giornata

Svantaggi:
Da evitare per chi ama il buio ed il senso di soffocamento

Consiglio il prodotto: Sì 

Dettagli:

Interesse

Qualità

Rapporto qualità prezzo

Collocazione

Orari di apertura


moulinrouge

Su di me: Solitamente leggo le opinioni e mi piace commentarle con un pensiero personale, mi sembra caso caro ...

Iscritto da:16.07.2004

Opinioni:102

Fiducie ricevute:127

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata molto utile da 18 utenti Ciao

Avevo circa 5 anni ed i miei mi portarono a visitare le grotte di Postumia, ricordavo solamente un trenino che mi accompagnava all’interno e poco altro e quindi, quando abbiamo pensato di fare un giro in Slovenia, subito ho pensato a queste grotte. Ci siamo rivolti ad un’agenzia di fiducia per avere qualche informazione e il loro consiglio è stato si di andare a visitare le grotte a Postumia , ma anche di fare un salto a visitare il castello di Predjama nelle vicinanze.
Recepito il suggerimento siamo partiti alla volta di Postumia , facilmente raggiungibile via autostrada e molto vicina al confine triestino, in frontiera non ci sono stati problemi, i sloveni con l’ingresso nei paesi dei 25 stanno mollando i controlli anche se per ancora un anno non aderiscono al trattato si shengen e quindi ti controllano ancora i documenti.

Il paesaggio in Slovenia a mio parere cambia rispetto all’Italia, mentre i boschi sono simili alle nostre zone montane, le costruzioni prendono un aspetto più austriaco, ancora più accennato che non nelle nostre zone di confine austriache.
Dopo circa 20/25 minuti dal confine italiano arriviamo a Postojna (postumia), le grotte sono ben segnalate e la cittadina che è piccola la passi in un attimo, ampio parcheggio e ti ritrovi a camminare sulla zona turistica, con albergo per dormire, vari negozietti di souvenir, bar vari e un po’ di attrazioni volte al turista che vuole spendere e vedere poco.
Alla fine di questa passeggiata ci ritroviamo di fronte ad una scalinata ed in cima abbiamo a sinistra un ristorante e nello stesso stabile, le casse delle grotte e subito dopo l’ingresso ed una grotta che è invece l’uscita.

A partire dalle ore 9.00 o 10.00 del mattino, a seconda della stagione, le grotte aprono la visita con accessi ogni ora , il consiglio è di presentarsi almeno 30 minuti prima della vostra ipotetica ora di ingresso, perché a volte si formano code alle casse, dopo di ché con il biglietto ci si accoda di nuovo
a sinistra delle stesse nella zona di entrata. Appena a sinistra dell’entrata troviamo un noleggio di mantelle che personalmente sconsiglio, avendole viste addosso a qualche turista mi sono sembrate non proprio igieniche e profumate. Portatevi da casa maglione e giacca impermeabile in quanto la temperatura all’interno è sì di 8/10 gradi di temperatura, ma l’umidità raggiunge il 96%.

Comunque all’ora stabilita si entra e ci si accomoda su un trenino che parte ad una discreta velocità, e che subito ti fa capire quanto freddo puoi prendere se non sei coperto, il trenino percorre circa 2 chilometri e ti permette di osservare MOLTO velocemente queste grotte scarsamente illuminate, ma ricche di fascino.
Si arriva ad uno spiazzo e tutti scendono per indirizzarsi sul posto di attesa della guida che parla la lingua desiderata, attesa che è circa di 15 minuti per dare il tempo a tutti i visitatori di entrare, prendere il trenino ed arrivare in questa sala.
Le grotte di Postumia sono le più estese della Slovenia ed il fiume che le ha scavate Pivka , ha formato tre livelli di grotte, due asciutti ed il terzo più basso immerso, con il fiume che scorre tutt’oggi.
Finora sono stati scoperti 21 chilometri di grotte ma quelle che ti fanno visitare sono circa 5 chilometri di cui 3,8 con il trenino ed il resto passeggiando, per chi volesse esiste anche la possibilità di visitare altre parti delle grotte, prenotandosi a piccoli gruppi con speleologi selezionati dalle Grotte.

Iniziamo comunque a visitare queste grotte assieme alla guida che è molto veloce sia come spiegazione che come tempo di marcia e non ti lascia il tempo che magari desidereresti per vederti bene attorno. Devo dire inoltre che l’illuminazione non mi è sembrata così ottimale ed in alcuni punti troviamo anche qualche tratto scivoloso, scarpe adatte quindi non sognatevi di entrare con quelle da cerimonia. Il percorso dura circa 40 minuti, la guida ti spiega velocemente le stalattiti e stalagmiti le migliaia di anni per formarsi, il passaggio del ponte russo, (perché è stato costruito da prigionieri russi), passi le sale degli spaghetti, la sala bianca e rossa e ritorni indietro per ritrovarti a vedere in una vasca degli inermi Proteus.
Finisci nella sala dei concerti (in onore ai concerti suonati in loco, non oso pensare alle vibrazioni acustiche all’interno della grotta) e dopo l’ennesimo negozietto di souvenir riprendi il trenino che ti riporta fuori, e che ti fa vedere nel tratto finale il fiume sotterraneo.
Tirando le somme mi aspettavo qualcosa di meglio, ripeto l’illuminazione potrebbe essere gestita in modo migliore, l’aria all’interno è pesante, si sente che si è sottoterra e quindi alcune persone soffrono un senso di soffocamento, almeno finche non ci si muove, vale in ogni caso vederle per avere un idea del posto.

All’uscita abbiamo mangiato nel ristorante adiacente che prima vi citavo, solo per comodità, il mangiare non è risultato eccellente e si sapeva, e dopo siamo partiti alla volta di Predjama e del suo castello.
Dista solo 9 chilometri da Postumia e velocemente si arriva in questo angolo incantato, a Predjama non esiste solo il castello ma troviamo anche le seconde grotte della Slovenia che si sviluppano proprio da sotto il castello.

Questo “nido” e nato come castello di difesa e non come maniero di dimora e la sua costruzione dovrebbe risalire al XII secolo, costruito all’interno di una grotta naturale, venne innalzata una parete di roccia che rese questo castello inespugnabile, tanto che la leggenda vuole che il suo proprietario resistette più di un anno sotto assedio. Gli austriaci che lo posero sotto assedio non riuscirono ad attaccarlo e non riuscirono nemmeno a prenderlo per fame perché veniva rifornito tramite passaggi segreti.
Sempre la leggenda dice che per colpa di un servitore traditore (mai fidarsi dei domestici),
Erasmo, questo era il nome del proprietario, fu colpito mentre si trovava nella parte più leggera della costruzione, il bagno e morì non proprio onorevolmente colpito dalle pietre della catapulta.
Il suo corpo fu sepolto nella piazzetta sottostante vicino alla chiesetta e la sua amata piantò un tiglio per ricordarlo, ebbene quel tiglio vive a tutt’oggi ed è carino ricordarlo nella leggenda.

Il castello dopo fu depredato e i proprietari successivi svuotarono le parti interne per costruire quelle esterne che oggi vedete e che potete visitare, all’ingresso vi viene dato un opuscolo che spiega dettagliatamente la storia e le stanze che andrete a vedere, noi per fortuna avevamo una guida e la spiegazione ci è risultata molto coinvolgente.
La parete di roccia si erge per 123 metri con numerose entrate naturali, alcune chiuse per la pericolosità, che portano alle grotte, ci sono 13 chilometri esplorati ma molti altri da scoprire, la visita è ammessa solo con la guida e dopo che vi hanno dotato di torcia perché l’interno e scarsamente illuminato, è sconsigliato ai bambini per la presenza di scalini a volte scivolosi da salire e scendere ed è inoltre sconsigliato a chi non ama i pipistrelli in quanto alcune sale ne sono piene. Rimane un’esperienza diversa e sicuramente interessante, per chi desidera visitate il sito www.areacom.it/arte_cultura/bora/predjama.htm che mi sembra renda bene.
Il periodo più adatto per visitarlo è da metà maggio a metà ottobre per evitare il periodo freddo e nevoso.

Allego qualche scatto tratto dalla mia videocamera e mi scuso per la nitidezza.

Ciao alla prossima mak


Fotografie per Grotte di Postumia
  • Grotte di Postumia Fotografia 61361 tb
  • Grotte di Postumia Fotografia 61362 tb
  • Grotte di Postumia Fotografia 61364 tb
  • Grotte di Postumia Fotografia 61365 tb
Grotte di Postumia Fotografia 61361 tb
il castello di Predjama
Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
loreley_ge

loreley_ge

19.08.2007 01:02

ci sono andata ormai anni fa, ero un po' più piccola ma ricordo che mi erano piaciute tantissimo... ci tornerei volentieri!

filiphil

filiphil

27.07.2007 00:19

buona opi, il posto però, claustrofobico, non mi entusiasma.

Vilgroganor

Vilgroganor

02.12.2005 15:17

Beh, che dire, sei stato molto completo sia sotto il profilo logistico che delle impressioni personali e meriti un eccezionale !!! Mi permetto di consigliarti, se non ci sei già stato, le grotte di Skocjan, a uno schioppo di naso da Trieste e che sono ancor più spettacolari di Postumia, ma ingiustamente meno note. Ho scritto un' opinione al riguardo...dagli un' occhiata se credi che possano interessarti...

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su Grotte di Postumia è stata letta 12578 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"Eccellente" per (9%):
  1. loreley_ge
  2. Vilgroganor
  3. eleonorazocc

"molto utile" per (88%):
  1. lisa126
  2. filiphil
  3. linus727272
e ancora altri 27 iscritti

"utile" per (3%):
  1. aurora76

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.
Risultati simili a Grotte di Postumia